ShareThis

martedì 30 aprile 2013

Landscape fireworks / Fuochi d'artificio all'orizzonte



Close you eyes for a while. Now imagine to be in a fairy land, between braided threads and a color explosion: welcome to the world of Edith Meusnier.


 Edith Meusnier is a textile and environmental artist. She was born in France in 1950; after participating in numerous international exhibitions of art and textile design, she left Paris in 1996 to live in a small village in the clearing of a Picardy forest. She turned to working exclusively outside, transforming her garden into an open-air atelier. Her works stay under the sun, the wind or the rain, changing from time to time shapes and color effects.
In 2001 she realized an installation inside the Charmont  de l'Oise Hospital as a part of an Art-Therapy project that goes on till nowadays.
Here is how she describes her work: "I used the flexibility of the textile language to create a bridge between the human dimension and the collective space. I use metal threads, plastic tape and packaging materials ... I join them, weave them and fold them...to create a playful border between lightness and rigidity".

Chiudete per un attimo i vostri occhi. Adesso immaginate di essere in una terra incantata tra fili intrecciati ed un'esplosione di colori: benvenuti nel mondo di Edith Meusnier!

Edith Meusnier e' un'artista tessile d'ambienti. Nata in Francia nel 1950, nel 1991 si diploma presso l'ANAT (Scuola Superiore di Creazione Industriale) a Parigi; dopo aver partecipato a varie esibizioni internazionali di arte tessile, nel 1996 lascia Parigi per ritirarsi a vivere in piccolo paesino nella foresta di Picardy. Da quel momento in poi, si dedica esclusivamente alla decorazioni di esterni, trasformando il proprio giardino in una mostra permanente. Le sue creazioni restano esposte a sole, vento ed intemperie, riflettendo di volta in volta nuove geometrie e giochi cromatici.
Nel 2001 la Meusnier viene invitata a realizzare un'opera nel parco dell'Ospedale di Charmont de L'Oise come progetto di Terapia d'arte; da allora tiene degli Atelier per la realizzazione di opere collettive per i pazienti dell'ospedale.
Ecco come la Meusnier definisce i propri lavori: "Utilizzo la flessibilita' del linguaggio tessile per creare una passerella tra la dimensione umana e lo spazio collettivo. Srotolo dei fili metallici, nastri di plastica e materiali d'imballaggio ... li assemblo, li tesso e li piego...per materializzare una frontiera ludica tra leggerezza e rigidita'.

Fonti:  http://www.edithmeusnier.net/  e  http://fr.wikipedia.org/wiki/%C3%89dith_Meusnier











Nessun commento:

Posta un commento